Salemi. Contrada San Ciro Le pale eoliche disturbano

Sono ormai lontani i giorni  in cui i cittadini della  zona di San Ciro godevano  della tranquillità tipica  delle zone residenziali. Da  maggio dello scorso anno, due  pale eoliche (di cui solo una in  funzione), hanno infatti interrotto  la quiete diurna e soprattutto  notturna. La «mini»  pala (si fa per dire), di circa  35 metri, produce infatti un  rumore «forte e persistente»,  che stando alle testimonianze  dei residenti va oltre la normale  tollerabilità. A nulla sarebbero  servite le varie segnalazioni  fatte agli organi  competenti e la petizione con  le ottanta firme degli abitanti  della zona. Così, i residenti,  dopo essersi riuniti, hanno costituito  un comitato che annuncia  battaglia ed è disposto  anche ad adire le vie legali  per far valere i propri diritti.  Tante le perplessità degli abitanti:  su tutte la distanza  delle pale rispetto alle abitazioni  (meno di 150 metri), e la  natura del terreno nel quale  sono installate, che è zona agricola  ma a pochi metri dalla  zona residenziale. A farsi latore  delle lamentele è il consigliere  Giuseppe Loiacono, che  ha partecipato alle riunioni:  «È di per sé assurdo che sia  consentito così facilmente di  rovinare il paesaggio di una  delle contrade più suggestive  di Salemi; ma che sia addirittura  impedito ai cittadini di riposare è davvero troppo».