I gett0ni ai consiglieri

Con determina del responsabile dell’Area Affari generali, Carolina Giambalvo, sono state liquidate le somme per il pagamento dei gettoni di presenza ai consiglieri comunali relativamente alle sedute tenute nel corso del 2017. A Margherita Bianco, per sette sedute spettano 181,58 euro; a Rosario Pellicane, per otto sedute impegnati 207,52 euro; idem per Valentina Truglio, otto sedute e 207,52 euro; a Letizia Genna, per sette sedute spettano 181,58 euro; a Nicola Biondo, per nove sedute 233,46 euro; a Saverio Lombardo, per otto sedute spettano 207,52 euro; a Benedetto Falcetta, per nove sedute vanno 233,46 euro; a Enza Murania (che insegna a Stresa, in Piemonte), per una sola seduta spettano 25,94 euro; a Rosaria Pipitone, per tre sedute spettano 77,82 euro; a Linda Genco, per sei sedute, 155,64 euro; ad Antonio Pernice, per otto sedute vanno 207,52 euro; a Domenico Russo, infine, per sette sedute toccano 181,58 euro. Tutti gli importi sono al lordo delle trattenute fiscali. Al presidente del Consiglio comunale Vincenzo Di Stefano e agli assessori Giacomo Accardi e Silvana Glorioso (i due sono anche consiglieri), non spettano gettoni dal momento che percepiscono l’indennità mensile di funzione. La somma complessivamente impegnata per l’intero anno ammonta a 2.101 euro. L’importo lordo del gettone è di 25,94 euro. A Santa Ninfa i cosiddetti «costi della politica» sono irrisori anche perché non esistono le commissioni consiliari essendo state, queste, abolite circa venti anni fa. (Nella foto i consiglieri del Pd Nicola Biondo, Rosario Pellicane e Benedetto Falcetta)