Gettoni ai consiglieri Liquidati 2.350 euro

Gettoni erogati. Anche per il mese di settembre i consiglieri portano a casa un lauto bottino. A salire sul primo gradino dell’ideale podio ancora una volta Maria Luisa Giannone, ex aequo, con Giuseppe Aiello (nella foto) e Raffaele Beninati: per tutti 252 euro. Stacanovisti anche Rocco Caracci e Giovanna Genco, che ottengono rispettivamente 201 e 191 euro. Ottima la performance di Anna Maria Varvaro, che dalla «pedana» del Consiglio comunale, con il suo «salto in lungo» sfiora i 156 euro. Appassionante la rincorsa dei consiglieri Salvatore Bevinetto, Vita Biundo, Ignacio Drago e Giuseppe Libeccio, che finisce con un ex aequo di 100 euro. Piazzamento a metà classifica per Benedetta Cammarata e Santo Corrente: 85 euro. Più sotto Giovanni Lo Piano Rametta, Libero Leone, Francesco Cannia, Anna Maria De Benedetti e Nicola Clemenza, che si fermano nelle retrovie: 50 euro. Un risultato inatteso quello di Maria Anna Campisi, che dai 191 euro di qualche mese fa passa a 35 euro. Curioso il «fuori programma» di Rosalba Sanfilippo, che rinuncia alla gara e non incassa nulla. Tra i tre giunti al primo posto, la «medaglia d’oro» va comunque alla Giannone, che porta a casa anche un rimborso chilometrico per le spese di viaggio (Castelvetrano-Partanna e ritorno) di 48,36 euro. Il totale delle somme impegnate è stato di 2.351 euro. Un «premio» va anche al sindaco Catania per le «prestazioni» fuori sede. Il primo cittadino, per una perfomance istituzionale a New York, in occasione del 109esimo anniversario della «Concordia», ha ottenuto un rimborso-spese di 1.714 euro. In quella circostanza gli è stata consegnata una onorificenza da parte del Senato dello Stato di New York, per «l’azione di integrazione sociale svolta tra le diverse comunità ». Altro rimborso di 272 euro per una missione a Roma, dove si è recato assieme ad alcuni giovani scout, nel maggio 2017. Infine 821 euro gli sono stati liquidati per un ulteriore impegno istituzionale, a luglio, nella capitale, per salvare il fondo «Jessica» (un finanziariamento per l’illuminazione). Agostina Marchese