Un parcheggio a Segesta

PARCO. Realizzato per ospitare i mezzi pesanti. Il sito archeologico di Segesta (nella foto il tempio) ha finalmente il suo parcheggio per ospitare i mezzi pesanti. Dopo parecchi anni, nei quali si sono avvicendate diverse problematiche (da un terreno espropriato e riconsegnato per la mancanza di autorizzazioni, al parcheggio interno pieno di buche e avvallamenti pericolosi al transito degli autobus), Segesta ha adesso un parcheggio perfettamente a norma, un parcheggio che rispetta tanto i requisiti della Soprintendenza ai Beni culturali quanto quelli dell’Asp. Le tariffe per la sosta sono (al netto di Iva): per gli autobus senza passeggeri 25 euro; per i bus da nove a ventuno posti, 13 euro; per i minibus fino a otto posti, 9 euro; per i camper, 5 euro; per le automobili, 3 euro; per le moto, 1,50 euro. Gli utenti e i mezzi custoditi in sosta, inoltre, saranno coperti da una polizza assicurativa. Sono attualmente in fase di realizzazione i servizi di ristoro e di ospitalità diurna, tra cui ristoranti e bar; spazi attrezzati e custoditi per i camper; spazi espositivi e commerciali dei prodotti tipici dell’artigianato e dell’agricoltura del territorio e delle eccellenze regionali; spazi per la promozione e la vendita di pubblicazioni specializzate e di documentazione del turismo archeologico (si tratta dei cosiddetti «info point»). Previsti, infine, anche un Centro culturale di archeologia multimediale del territorio e un terminal della sentieristica con relativi spazi attrezzati. Con tutta questa serie di investimenti e interventi, il parco archeologico segestano si metterà “al passo” con i tempi, che sempre più richiedono servizi aggiuntivi per i turisti. Agostina Marchese