Il «giallo» in casa M5s Perché la lista non c’è?

La notizia è che la lista e il candidato sindaco del Movimento cinquestelle non ci sono. Una sorpresa? Fino ad un certo punto, perché già nelle scorse settimane qualche indizio che faceva presupporre che i «pentastellati» non sarebbero stati della partita amministrativa s’era avuto. Mentre invece negli altri comuni chiamati al voto (su tutti Trapani ed Erice) i «grillini» avevano da tempo sciolto le riserve e presentato le loro candidature, Castelvetrano era rimasta avvolta nel mistero più fitto. La versione ufficiale, tramandata dai due meetup (così si chiamano i circoli locali M5s), era che la documentazione relativa ai candidati era all’esame della specifica commissione che a Roma ha il compito di certificare la lista e concedere l’uso del simbolo per le elezioni comunali. Così aveva sostenuto, ad esempio, Luca D’Agostino. L’esame, però, andava per le lunghe e qualche segno di nervosismo era cominciato a trapelare tra gli attivisti locali. Alla fine il «bollino» di qualità non è arrivato e qualcuno ha pure scomodato Beppe Grillo (nella foto) quale arteficice dello stop imposto ai «pentastellati» locali. In realtà, come sanno quelli più addentro alle questioni dei cinquestelle, Grillo non è mai stato investito della questione castelvetranese, che invece è stata seguita (anche se da lontano) dai leader territoriali del movimento: il senatore trapanese Maurizio Santangelo e il parlamenentare regionale mazarese Sergio Tancredi. Ma forse, al di là del merito sulla qualità dei candidati da proporre agli elettori castelvetranesi, tra i cinquestelle potrebbe essere prevalso un atteggiamento tattico. Se, come è possibile, arriverà lo scioglimento, i «pentastellati» potrebbero aver «tenuto al riparo» i propri candidati, senza averli esposti in questa fase convulsa della vita politica cittadina, nella quale alto è il rischio di essere trascinati nel fango che puntualmente finirebbe per impaludare la vita civile nel caso di uno scioglimento e di un conseguente lungo periodo di commissariamento.