Ricognizione dei residui

FINANZE. Riaccertamento approvato dalla Giunta. La Giunta comunale ha approvato la delibera di accertamento dei residui attivi (crediti da riscuotere) e passivi (debiti da saldare) dell’ente, un atto di cui è politicamente responsabile l’assessore al Bilancio Katia Marsala (nella foto). La ricognizione dei residui è finalizzata a verificare la fondatezza giuridica dei crediti e la loro esigibilità, nonché il permanere delle posizioni debitorie. Possono essere conservati tra i residui attivi le entrate accertate esigibili nell’esercizio di riferimento, ma non incassate. Possono invece essere conservate tra i residui passivi le spese impegnate, liquidate o liquidabili nel corso dell’esercizio, ma non ancora pagate. Le entrate e le spese accertate e impegnate non esigibili nell’esercizio considerato, devono essere reimputate all’esercizio in cui queste sono esigibili. L’operazione non è «neutra», dal momento che la reimputazione degli impegni deve essere effettuata incrementando, di pari importo, il fondo pluriennale di spesa, al fine di consentire, negli esercizi successivi, l’iscrizione del fondo pluriennale vincolato a copertura delle spese reimputate. La ricognizione annuale serve anche ad individuare i crediti di dubbia e difficile esazione, i crediti estinti, i debiti insussistenti o prescritti. Il fondo pluriennale vincolato è di 82.974 euro per la parte corrente (relativa al funzionamento dei servizi) e di 263.082 euro per quella in conto capitale (gli investimenti). L’operazione di riaccertamento confluirà adesso nel rendiconto di gestione 2016, che dopo l’approvazione da parte della Giunta sarà trasmesso al Consiglio comunale per le valutazioni di sua competenza.

Summary
Ricognizione dei residui
Article Name
Ricognizione dei residui
Description
FINANZE. Riaccertamento approvato dalla Giunta
Author
Publisher Name
Belice C'è
Publisher Logo