Piano di protezione civile. C’è il «via libera» dell’aula

Il Comune di Salemi si è dotato del Piano di emergenza di protezione civile. L’obiettivo è quello di aumentare al massimo la prevenzione per ridurre i fattori di rischio a seguito di una calamità. L’amministrazione, infatti, avvierà una fase di informazione alla cittadinanza nel corso della quale verranno organizzati incontri nelle scuole e assemblee pubbliche. «Siamo riusciti – spiega il sindaco Venuti – a sbloccare una situazione di stasi per il nostro Comune che durava da troppo tempo». Per redigere il Piano, l’architetto Salvatore Maltese, di Salemi (unico ad avere esperienza tra quelli che hanno partecipato alla manifestazione di interesse), ha effettuato una analisi del territorio e dei rischi che incombono su questo, per poi effettuare anche un censimento dei beni immobili. Sono state individuate anche le strutture sensibili, tattiche e strategiche della città, oltre che i beni di particolare valore storico. Individuate anche le aree della città destinate ad attività di protezione civile: si tratta delle aree di attesa (24), di accoglienza (7) e di ammassamento (6). Nelle prime viene accolta la popolazione in seguito a una calamità. (a.m.)

Summary
Review Date
Reviewed Item
Piano di protezione civile. C’è il «via libera» dell’aula
Author Rating
41star1star1star1stargray