La solidarietà del «Lions»

Due importanti iniziative, nate dall’idea del «Lions club» di Salemi (da sempre attivo al servizio della collettività salemitana, con un occhio di riguardo verso le famiglie che vivono un disagio economico e sociale), sono state realizzate in collaborazione con l’Istituto comprensivo «Garibaldi-Giovanni Paolo II» nel mese di aprile. Grazie all’impegno del dirigente scolastico Salvino Amico, da anni impegnato nell’educazione alla salute nella scuola dell’infanzia e primaria, una équipe medica messa a disposizione dall’Unione italiana ciechi, ha eseguito gratuitamente lo screening per 189 bambini di età fino a quattro anni (con l’Unità oftalmica mobile messa a disposizione dal «Lions club international »), con l’obiettivo di sconfiggere l’occhio pigro. Inoltre, già qualche giorno prima, il «Lions» aveva sottoposto a visita oculistica (offerta dal dottor Nicola Ardagna), una studentessa, che insieme alla sorellina più piccola (adottate dallo stesso Istituto) ha ricevuto, proprio dal club, degli occhiali da vista, al fine di «consentire loro una migliore qualità della vita e di frequentare con profitto la scuola». Gli atti di generosità del «Lions» si sono comunque susseguiti nel corso dell’anno: durante le festività pasquali, questa volta grazie al supporto della Caritas di Salemi, sono state distribuiti, a numerose famiglie bisognose, pacchi-dono con generi alimentari di prima necessità. Da non dimenticare inoltre la targa del sistema museale e del piazzale Tony Scott donata alla città; lo screening del diabete eseguito qualche mese fa, ed ancora la raccolta degli occhiali usati. Valentina Mirto