Iter rapido, approvato il bilancio di previsione

Numerosi gli interventi programmati: dalla manutenzione ordinaria delle reti al nuovo Prg. Mai stato così rapido l’iter per l’approvazione del bilancio di previsione a Calatafimi. Infatti, dopo che il 13 giugno è stato approvato il rendiconto di gestione per il 2016 e dopo il veloce passaggio in Giunta lo scorso 28 luglio, Giovanni Impastato, commissario straordinario che fa le veci dello sciolto Consiglio comunale, il 2 agosto ha solennemente, ed in piena solitudine, approvato il bilancio di previsione 2017. In una Sicilia dove molti comuni sono ancora oggi inadempienti e privi del prezioso strumento finanziario, traspare piena soddisfazione nella Giunta comunale per il risultato raggiunto. «Il documento contabile di previsione – afferma l’assessore al Bilancio Roberto Palmeri – consentirà importanti investimenti per la città oltre che di liberare risorse per le spese correnti». Somme per gli interventi Previste, infatti, somme, anche se esigue, per la manutenzione della rete idrica e fognaria, nella pubblica illuminazione, nelle strade e nel verde pubblico. Da evidenziare la previsione di 30mila euro per contributi alle nuove imprese giovanili le cosiddette «start-up» che saranno erogati con apposito bando e 40mila euro da distribuire tra i privati che eseguiranno opere di rifacimento dei prospetti dei fabbricati nel centro storico in alcune aree che saranno individuate con un apposito bando. Una novità, questa, voluta dall’amministrazione per ricordare il cinquantesimo anniversario del terremoto del Belice. Previste inoltre 75mila euro per la manutenzione di vari edifici comunali tra cui la scuola elementare e l’asilo nido di Sasi. Ulteriore investimento riguarda i 140mila euro per il co-finanziamento del progetto per il re-cupero di una parte dell’edificio dell’ex convento di Santa Caterina, per il quale il Co-mune ha ottenuto un finanziamento con fondi europei di oltre un milione di euro. L’edificio sarà destinato probabilmente ad ospitare uffici comunali. Piano regolatore Il tema del Piano regolatore generale riprenderà vigore: previsti infatti 60mila euro per gli studi geologici ed agroforestali necessari per la predisposizione del progetto urbanistico, che grazie all’accordo sottoscritto con il Circes (il Centro studi dell’Università di Palermo), permetterà di accelerare i tempi per la sua definizione, con un risparmio di 100mila euro. Campo in erba sintetica Per il resto 130mila euro andranno alla riconversione del «Palasegesta», alla sua iniziale destinazione di struttura sportiva; 20mila euro al completamento del Teatro «Cavallotti, da decenni lasciato in abbandono con interminabili lavori di ristrutturazione, con l’intenzione di concedere l’uso dell’edificio alle associazioni culturali interessate; 28 mila euro saranno destinati alla ristrutturazione del campo di calcetto a Sasi presso lo stadio comunale (il progetto prevede la realizzazione del manto erboso sintetico, una nuova recinzione e la sistemazione dell’illuminazione). Un intervento, questo, molto atteso tra i giovani sportivi. Fabbricati centro storico Altri 70mila euro sono stati destinati alla manutenzione, ma in alcuni casi anche alla demolizione di fabbricati del centro storico che si trovano in una situazione precaria per la quale si teme un possibile crollo. Buone notizie pure per gli ambientalisti e i tanti volontari appassionati del bosco Angimbè, “ferito” di recente dai criminali piromani che hanno mandato in fumo 80 ettari su 212 di sughereta comunale: 80mila euro circa, provenienti dalla devoluzione di mutui, andranno proprio alla sistemazione della frana e alla manutenzione della strada di accesso al meraviglioso bosco. Pietro Bonì

Summary
Review Date
Reviewed Item
Iter rapido, approvato il bilancio di previsione
Author Rating
41star1star1star1stargray