I personaggi di Salemi Ferdinando De Monroy

Fu principe di Pandolfina,   marchese di Garsigliano,   barone e signore   di molti feudi. Fu un grand’uomo,   non solo per i suoi natali   ma anche per le sue nobili   virtù. Il 25 marzo del 1678   si fregiò del titolo di cavaliere   cristiano. All’età di 40 anni,   dopo aver preso moglie, si trasferì   a Palermo con tutta la   famiglia, quivi, stimato da   tutti, fu chiamato alla carica   di capitano di giustizia, che   resse con molta dignità. Ebbe   undici figli tra i quali Gioacchino   Maria, per tre volte   abate di San Martino delle   Scale. Ritiratosi a Salemi, dopo   una «vita tutt’affabile, tutta   gentile, generosa e devota   », morì il 16 gennaio 1748 e   fu sepolto nella Chiesa dei   Padri Cappuccini dei quali fu   molto devoto (li aveva accolti   nel suo palazzo dopo la frana   di Monte delle Rose avvenuta   la notte del 6 marzo 1740).   L’orazione funebre fu tenuta   da padre Agostino di Trione.   Salvatore Agueci