I «giardinieri» spopolano a Venezia

CARNEVALE. La tipica maschera salemitana in trasferta nella laguna. Non sono passati certo inosservati i «giardinieri » di Salemi al carnevale di Venezia. La maschera tipica, che ha rappresentato la Sicilia nell’ambito della rassegna «Carnevali della tradizione», è stata individuata dall’Unpli ed è giunta nella laguna veneta per arricchire l’offerta del carnevale veneziano. Il progetto ha ricevuto un contributo economico dal Comune. Il sindaco Domenico Venuti, assieme al vice Calogero Angelo, ha accompagnato quindici «giardinieri » nella città veneta. A Venezia anche il presidente dell’Unione nazionale delle Pro loco, Antonino La Spina, la presidente dell’Unpli Trapani, Maria Scavuzzo, e il presidente della Pro Loco di Salemi, Giuseppe Pecorella. «Siamo orgogliosi di aver rappresentato l’intera Sicilia al carnevale di Venezia – ha affermato Venuti –. I “giardinieri” hanno interpretato nel miglior modo anche il ruolo di ambasciatori di Salemi nel mondo. È una maschera che rappresenta il nostro territorio e la nostra storia fatta di generosità e apertura al mondo – ha aggiunto – e per questo merita di essere conosciuta e riconosciuta a livello istituzionale ». Il sindaco ha voluto poi ringraziare la Pro loco di Salemi, l’Unpli e l’associazione dei “giardinieri”, «che con impegno e abnegazione contribuisce a tenere viva una maschera dietro alla quale c’è la nostra grande tradizione ». I «giardinieri» hanno suscitato l’interesse e la curiosità di veneziani e turisti a piazza San Marco: in cima alle tradizionali scalette, oltre alle consuete caramelle alla frutta da donare ai visitatori, sono state agganciate, infatti, anche le brochure turistiche che hanno fatto scoprire la città ai tanti presenti. «È stata una grande esperienza – ha commentato Salvatore Capizzo, presidente dell’associazione che mette assieme i “giardinieri” –. Siamo riusciti a far conoscere Salemi nel migliore dei modi ». (Nella foto i «giardineri» in piazza San Marco)