«I conti sono a rischio»

FINANZE. Il segretario comunale lancia l’allarme. Alanciare l’allarme, nel corso di una delle ultime sedute consiliari, è stato il segretario comunale Lillo Calamia (nella foto), che ha avvertito il Consiglio comunale che esiste il rischio concreto di una minore entrata di circa 100mila. Calamia ha poi precisato di non sapere «se tale squilibrio potrà essere riassorbito da eventuali maggiori entrate o da minori spese previste in bilancio». Tutto ciò significa che l’aula potrebbe essere chiamata ad un intervento straordinario di messa in sicurezza dei conti: o con una serie di tagli (ulteriori) ai servizi o con l’aumento (ulteriore) della tassazione. Era stato il revisore dei conti Giovan Racalbuto, nel parere sul bilancio di previsione 2017, di fronte ad una previsione di entrate per circa 485.000 euro derivanti dall’attività di accertamento dei tributi comunali, a prescrivere al Servizio finanziario dell’ente di procedere ad una verifica degli equilibri di bilancio entro il 30 settembre 2017. L’ufficio non ha però formalzzato le risultanze della verifica. E a fine anno, il responsabile del Servizio finanziario ha comunicato che, relativamente all’attività di accertamento dei tributi, sono stati emessi avvisi di accertamento per un importo complessivo di circa 380.000 euro. Ossia 100mila in meno rispetto alle previsioni. Da ciò il rischio di un «buco».