FONOREGISTRAZIONE. Manca il tecnico addetto. Salta la seduta consiliare

A raccontarla parrebbe una barzelletta. Nella seduta consiliare convocata dal presidente Massimo Cangemi (nella foto) per consentire al sindaco Catania di illustrare la sua relazione annuale, l’assenza del tecnico che si occupa della fonoregistrazione ha fatto saltare la riunione. A Partanna, infatti, le sedute d’aula vengono fonoregistrate, tant’è che i verbali danno poi conto di tutti gli interventi, che vengono trascritti integralmente. Ovviamente nessuna norma obbliga ad una tale scelta, che è puramente discrezionale dell’organo consiliare. Di conseguenza la seduta si sarebbe potuta tenere, anche perché il segretario Bernardo Triolo aveva rassicurato i presenti sul fatto che lui fosse perfettamente in grado di verbalizzare il contenuto degli interventi. Ma nulla da fare. Si è deciso di aggiornare la seduta all’indomani. In apertura della seduta di prosecuzione, Cangemi ha letto una nota del titolare della ditta di Salerno che si occupa della fonoregistrazione, Mariano Venetucci, che s’è scusato del disguido addebitandolo ad una «errata comunicazione » tra lui stesso e il tecnico addetto alla registrazione. In sintesi l’e-mail che doveva essere inviata al tecnico non è mai giunta allo stesso, rimanendo, secondo la ricostruzionoe di Venetucci, «nelle bozze del computer della ditta a causa di un problema tecnico». Il titolare si è quindi assunto «tutte le responsabilità per l’evento verificatosi », dicendosi disponibile a farsi carico «anche di eventuali costi che il Comune ha sostenuto a causa del mancato svolgimento del Consiglio comunale», sgravando così l’ente da qualsiasi responsabilità