Calatafimi. Un premio all’Istituto Comprensivo «Vivona»

Leggere un giornale o una testata on line significa per i giovani studenti aprire una finestra sul mondo locale e “globale” in cui vivono; significa capire la notizia e cosa c’è dietro, imparare a relazionarsi con i fatti che accadono e con gli altri. Il giornalino scolastico, spiega Caterina Gucciardi (nella foto), la referente del progetto, dell’Istituto comprensivo «Vivona», rappresenta uno strumento capace «di costruire percorsi strutturati su questioni della contemporaneità attraverso un processo di apprendimento che segue la logica della ricerca, della progettazione e della rielaborazione creativa della conoscenza e della realtà, favorendo un contesto formativo che consente lo sviluppo di dinamiche relazionali e cooperative complesse, stimolate da compiti comuni da svolgere in cui il docente si limita spesso al ruolo di guida e facilitatore». Uno strumento estremamente valido, perché offre agli studenti l’opportunità di leggere il proprio presente, di esprimersi, di comunicare dentro e fuori l’habitat scolastico. Il «Vivona» è tra i vincitori della sedicesima edizione del concorso nazionale «Il giornale e i giornalismi nelle scuole» organizzato dal Consiglio nazionale del-l’Ordine dei giornalisti. Un premio che costituisce «un motivo di orgoglio per la scuola di Calatafimi». A curare il progetto è statala docente Caterina Gucciardi in collaborazione con la collega Lucilla Caradonna. La cerimonia di premiazione si terrà al teatro «Bonci» di Cesena il 17 aprile. Il giorno precedente la premiazione, il 16, è in programma, al teatro «Verdi», un confronto pubblico tra studenti e operatori dell’informazione sul tema «Giornalismi oggi: la sfida tra informazione professionale, blog e social».