All’ottavo trofeo “Pani e altari” trionfa Lorenzo Abate

BUONI PIAZZAMENTI PER I CORRIDORI DELLA PODISTICA SALEMITANA – TUTTE LE FOTO DELLA MANIFESTAZIONE
Sono state diciannove le società partecipanti e trecento gli iscritti all’ottava edizione del trofeo  “Pani e altari”, gara podistica valevole per il “Gran prix provinciale Fidal” e per il “Grand prix regionale Uisp 2018”. Ben cinquantaquattro i “runners” della Podistica salemitana in gara. Numeri che confortano il lavoro svolto in questi anni della società e che la consolidano tra le poche locali in grado di portare avanti uno sport che coinvolge sempre più appassionati di ogni fascia di età.
L’organizzazione della manifestazione, patrocinata dal Comune di Salemi e curata dalla  stessa società con l’appoggio di Pro Loco ed Avis, si è svolta il 29 aprile. Il percorso (quattro giri da 6,6 km complessivi) si è snodato lungo le stradine del centro storico.
Vincitore assoluto della gara è stato Lorenzo Abate, in forza  alla “Universitas Palermo”, che malgrado qualche piccolo  fastidio fisico è riuscito a bissare il successo della precedente manifestazione con il tempo di 22’46’’; secondo classificato Antonio Puccio, della “Asd club Sciacca”, con il tempo 22’55’’; terzo arrivato Mario Alba, con  il tempo di 23’23’’, sempre della società saccense.
Nella categoria generale femminile, l’ordine di arrivo nelle prime tre posizioni è praticamente la fotocopia della scorsa edizione: Azzurra Agrusa, della “Cinque torri Trapani”, con il tempo di 27’32’’, ha staccato di 1’05’’, Serena Zeferino, della “Universitas Palermo”, che ha tagliato il traguardo in 28’37’’; terza Marianna Cudia, della “Asd Marsala doc” con  il tempo di 28’49’’.
Tanti i  piazzamenti della Podistica Salemitana: il faro della società, Ignazio Garuccio, con il tempo di 25’09’’, si è piazzato tredicesimo assoluto e primo nella categoria “Sm 55”; da registrare la buona prova di Vito Butera, con il tempo di 25’53’’, che si è piazzato diciannovesimo e quarto nella categoria “Sm40”, seguito da una manciata di secondi dal compagno Giuseppe Alopari, che ha chiuso in 22esima posizione con il tempo di 25’59’’ e sesto nella categoria “Sm35”; due prime posizioni nella categoria “Sm 65” con Vincenzo Leone e nella “Sm 80” con Giovanni De Simone.
Nella categoria femminile, due le prime posizioni acquisite: nella “Sf 45” Maria Fratello con il tempo di 30’ 44’’ e nella “Sf 50” con Vincenza Parrinello (tempo 35’04’’), mentre Valentina Caruccio (31’02’’) è giunta  quinta nella generale femminile.